I Solari : Filtri e Spf

Un’estate strana quella post Covid,ma che voi siate al mare,in montagna o in città,la protezione solare deve essere una costante!

I danni che una sbagliata esposizione solare può causare sono molteplici : scottature, invecchiamento cutaneo prematuro, danni agli occhi, un indebolimento del sistema immunitario, reazioni fotoallergiche e fototossiche, e addirittura il cancro della pelle.

Per questo è di fondamentale importanza utilizzare creme che ci proteggano  dai raggi solari,non esporci durante le ore più calde ed evitare lunghe esposizioni.

Le creme solari hanno queste proprietà protettive grazie ai filtri in esse contenuti, che possono essere di 2 tipi : fisici o chimici.

Filtri Fisici

I filtri fisici hanno proprietà schermanti. Si tratta di sostanze che, grazie alla loro opacità, oppongono un vero e proprio schermo alle radiazioni UV. Sono formati da piccole particelle minerali in grado di riflettere i raggi solari, per cui questi non possono più raggiungere la cute. A differenza dei filtri solari chimici, non trattengono il calore né penetrano nella pelle. Inoltre non vengono scomposti, non interagiscono e non vengono alterati né danneggiati dalle radiazioni solari. Sono in grado di respingere sia le frequenze UVA che quelle UVB.

Sono come degli specchi e ci proteggono dalle radiazioni dannose tramite un meccanismo di riflessione/diffusione. 

Le radiazioni solari vengono riflesse o diffuse e non assorbite dalla superficie cutanea. Non provocano quindi surriscaldamento della pelle anzi la proteggono efficacemente. Si tratta di sostanze inerti, fotostabili, particolarmente sicure per la salute della pelle.

Rispetto ai filtri chimici hanno un potere allergizzante minore. Nella maggior parte dei casi si tratta di filtri solari naturali. Ma possono anche essere prodotti artificialmente e, dunque, essere sintetici. Gli schermanti fisici più utilizzati sono l’ossido di zinco e il biossido di titanio.

 

Filtri Chimici

Mentre i filtri chimici sono sostanze di sintesi in grado di catturare l’energia delle radiazioni UV per evitare che queste raggiungano e danneggino le cellule dell’epidermide e del derma. Assorbono in modo selettivo le radiazioni UVA e UVB, agendo su lunghezze d’onda diverse. Alcuni assorbono solo i raggi UVA corti, altri solo gli UVB, altri ancora sia gli UVA lunghi che corti.

Queste molecole una volta assorbite, scompongono le radiazioni del sole, trattengono l’energia per poi rilasciarla sotto forma di calore e/o fluorescenza. Questo, di fatto, aumenta la sensazione di caldo provata sulla pelle.

Inoltre i filtri chimici sono oggetto di studi continui perchè dannosi per la salute della pelle,per esempio il filtro PABA che è stato a lungo uno dei filtri chimici più utilizzati, dal 2009 è stato vietato proprio perché accertato cancerogeno e fortemente sensibilizzante.

Tra i filtri molto utilizzati troviamo anche il Benzophenone, che è stato accertato come distruttore endocrino oppure l’Octinoxate, un ingrediente persino trovato nel latte materno, con pesanti ricadute sulla salute umana e sull’ambiente. Inoltre sono fortemente inquinanti e tossici per la fauna marina.

Solar Protection Factor,Spf

Anche sul fattore di protezione ci sarebbe da aprire un intero capitolo,ne ho parlato il modo semplice in questo mio articolo datato 2018,leggetelo che è abbastanza illuminante!

Nello shop fino a Martedì 30 Giugno trovate i solari in sconto:

Per tutti i dubbi c’è il nostro gruppo facebook 4Chiacchiere Con 4Bio 🙂

Be the first to comment “I Solari : Filtri e Spf”