Dischetti, Spugne di Mare e Pad Struccanti

4BioBelle la nostra #plasticfree challenge sta volgendo al termine, ed è bello vedere il vostro interesse verso i cosmetici privi di plastica.

Prima ancora dell’utilizzo di questi prodotti però, c’è l’utilizzo di alcuni accessori, di uso comune, che sempre più frequentemente, vengono sostituiti da soluzioni più green.

Sto parlando di Pad, Dischetti e Spugne di Mare. Purtroppo è molto radicato l’utilizzo di dischetti struccanti usa e getta, ma una volta che si sostituiscono con qualcosa di riutilizzabile, di solito non si torna più indietro.

Panni Struccanti e Pad

Io stessa, tanti anni fa, iniziai sostituendo i dischetti usa e getta con i dischetti di cotone o bambù. Oltre ad essere una soluzione più eco sostenibile, devo dire che sono anche più pratici. Mi è capitato molte volte che i dischetti usa e getta durante l’utilizzo si sfaldassero, lasciando filamenti di ovatta fra le ciglia o sul viso. Con i dischetti in cotone questo non succede. Ce ne sono di tanti tipi e per tutte le tipologie di pelle: più morbidi o con grana più grossa per effettuare una leggera esfoliazione.

La stessa comodità la si può trovare nei pannetti struccanti. Sono più grandi, non rotondi ma quadrati o rettangolari, e hanno la comodità che con l’intero pannetto, prima di sciacquarlo, puoi struccare tutto il viso, usando una parte per gli occhi e una parte per il resto. Mentre il dischetto di cotone, soprattutto quando si struccano gli occhi, è bene sciacquarlo ad ogni passata.

Una volta utilizzati possono essere lavati al momento con del sapone neutro o di marsiglia e una volta a settimana una passata in lavatrice. Importante è farli asciugare all’aria per evitare la formazione di muffe e quindi batteri.

Nello shop c’è un’ampia scelta di questi accessori, come pad potete trovare:

  • Quelli artigianali del Favoloso Mondo di Amèlie, fatti a mano da un’artigiana e corredati si un cestino contenitore veramente molto carino, che li rendono anche una bellissima idea regalo. Purtroppo ne sono rimasti pochi pezzi e non verranno riassortiti.
  • Molto carine e pratiche sono le salviette struccanti di Pili_Pili Zero Waste, anche queste fatte a mano, morbide e delicate sulla pelle.
  • Molto semplici ma funzionali i Dischetti riutilizzabili de La Saponaria, un set di 3 dischetti con sacchettina per contenerli.
  • Il Wendy Pad di Chiò è a forma di chiocciola, la famosa Wendy, ed estremamente delicato e confortevole.

Mentre invece come pannetti potete trovare:

Spugne di Mare

Un pò diverse sono invece le spugne di mare. Io personalmente le preferisco ai dischetti perchè veramente è come struccarsi con una nuvola. Trovo anche siano più facili da risciacquare, ma bisogna prestare maggior attenzione alla loro asciugatura che deve essere rigorosamente all’aria. Di solito sono molto durature, la mia la ho da circa un anno e solo adesso sta iniziando a dare i primi segni di cedimento. Due volte al mese la metto a mollo in acqua fredda e bicarbonato per 15 minuti.

Nello shop trovate le spugne dello Spugnificio Rosenfield e quelle appena inserite di Lace Beauty.

Per la detersione e struccaggio del viso vi consiglio la Fine Dama, mentre per il corpo o per rimuovere maschere e scrub, la tipologia secondo me più indicata è Arcipelago o Barriera Corallina.

Qual è la vostra esperienza? Avete già abbandonato quei brutti e cattivi dischetti usa e getta? O le Salviette struccanti monouso? Spero proprio di si! e se avete dubbi o perplessità ne possiamo parlare sul nostro gruppo facebook 4Chiacchiere Con 4Bio!

Fate le BioBrave!!

 

Be the first to comment “Dischetti, Spugne di Mare e Pad Struccanti”