Colorata Naturalmente: Hennè, Tinte e Curiosità

Oggi parliamo di come colorare i vostri capelli in modo naturale! In tante mi chiedete consigli per colorare i vostri capelli con le erbe tintorie, con questo articolo cercherò di spiegarvi qualche piccolo segreto.

Le mie conoscenze a riguardo sono frutto della pratica su me stessa e soprattutto dei consigli di Michele Rinaldi, che sicuramente tutte voi conosceranno, e quindi non ha bisogno di presentazioni.

Erbe Tintorie e Tinte Tradizionali

E’ innegabile che le tinte tradizionali, oltre ad avere ingredienti che possono risultare nocivi ed allergizzanti, a lungo andare danneggiano proprio i nostri capelli. Di solito i motivi che ci spingono al loro utilizzo sono sostanzialmente due:

  • Coprire i capelli bianchi
  • Ottenere il colore che ci piace

Per quanto riguarda la seconda motivazione, il consiglio che dò sempre è quello di cercare di accettarsi per come si è, il naturale colore dei nostri capelli è quello che ci valorizza di più <3

Per la prima motivazione, comprendo benissimo il disagio che i capelli bianchi possono causare, quindi vediamo come riuscire a porre rimedio in modo naturale.

Negli anni abbiamo imparato a conoscere le varie erbe tintorie, in primis l’hennè che viene usato come “base” visto che la molecola che lo costituisce, il lowsone, è l’unica che si lega in modo permanente al capello.

Con l’utilizzo  delle erbe tintorie, ottenere dei colori definiti sicuramente sarà più facile che ottenere le varie sfumature, per questo coprire i capelli bianchi su una chioma rossa oppure nera risulterà più semplice. Basterà fare un passaggio di hennè se si hanno i capelli rossi, mentre per una chioma è corvina, dopo aver tenuto in posa un’oretta l’hennè possiamo fare un passaggio con l’indigo.

Una cosa molto importante che ho imparato da Michele Rinaldi è  che per creare le varie colorazioni, “basta” fare quello che facevamo da piccoli con le tempere quando ci serviva un colore e non lo avevamo: miscelavamo i vari colori, primari e non, per ottenerlo. Quello che cambia e che fa la differenza con le erbe tintorie è che dobbiamo tener conto anche del colore di partenza, perchè che le erbe tintorie colorano tono su tono, non vanno a modificare il colore come le tinte tradizionali.

Basandomi su questo principio tanto semplice quanto illuminante ( così è stato per me!), cerco di ottenere le varie colorazioni. Da tener presente anche la variabile del tempo di posa.

Miscele Pronte all’Uso

Detto questo, per saltare tutto il passaggio da “Picasso delle erbe tintorie” possiamo avvalerci delle miscele già pronte che si trovano in commercio.

Quelle che per esperienza personale preferisco, sono quelle di Radico. Oltre ad avere colorazioni intense e per tutti i gusti, dopo la loro applicazione i capelli risultano morbidi e lucenti.

Da poco ho inserito nello shop le miscele di Hennetica de La Saponaria, e devo dire che anche queste sono confortevoli nell’applicazione e facili da preparare, la pastella risulta morbida e omogenea e senza grumi.

La Saponaria ha prodotto anche uno shampoo per preparare i capelli a ricevere le erbe tintorie, si chiama Avatara e lo trovate qui.

Quelle che non ho ancora avuto modo di provare sono quelle di Phitofilos, ho inserito il brand dopo le vostre numerose richieste, e presto proverò anche io le loro erbette 🙂

Le Tinte di Alkemilla

La linea Alkolor di Alkemilla sono gli unici prodotti che non sono considerati ne bio ne naturali che ho deciso di inserire nello shop. Questo per rispondere alle vostre richieste, a tutte quelle clienti che con gli impacchi di hennè non si trovano. Sicuramente sono tinte “più pulite” di quelle che si trovano in commercio, ma sono comunque tinte, quindi non colorano tono su tono, ma il colore che avrete come risultato è quello indicato.

I Rimedi della Nonna

Uno dei rimedi più semplici e antichi per tingere i capelli è quello di utilizzare il caffè. Basta fare una macchinetta di caffè forte, far raffreddare e versare sui capelli prima di lavarli. I capelli, sui quali è stato applicato il caffè, devono essere delicatamente massaggiati e il caffè deve essere lasciato in posa per almeno cinque minuti. È opportuno usare sempre il caffè naturale e non istantaneo, poiché questo contiene additivi. Per fissare meglio il colore e ottenere un effetto più duraturo, si può fare anche un ultimo risciacquo con l’aceto bianco. Grazie alla caffeina, il caffè agisce anche a contrastare la caduta dei capelli.  Dura fino al prossimo shampoo e non esagerate perchè in alcuni casi il caffè usato come impacco sui capelli può provocare mal di testa.

Mia nonna mi raccontava che in tempo di guerra utilizzava insieme alle sue sorelle il thè nero. Per applicare questo rimedio sui capelli, bisogna prendere alcune foglie di tè nero e metterle in infusione . Successivamente far bollire per 30 minuti e lasciare in infusione per 24 ore. Trascorso questo tempo, l’acqua va filtrata e il composto applicato sui capelli, dove sarà lasciato in posa per circa un’ora, prima di procedere ad uno shampoo delicato. Il tè riesce a mascherare i capelli bianchi poiché è ricco di pigmenti e di antiossidanti benefici per la salute dei capelli.

Facendo qualche ricerca ho scoperto che in alcuni casi venivano usate anche le erbe aromatiche, un metodo poco conosciuto ma, a quanto pare, efficace. Molto utili sono il rosmarino e la salvia.  Il rosmarino si può usare per realizzare un infuso, da far raffreddare e usare come risciacquo dopo l’ultimo shampoo. Per usare la salvia, invece, bisogna portare a bollore un litro d’acqua e versarvi all’interno circa 200 gr di foglie, poi lasciare bollire per 30 minuti e far raffreddare. L’infuso può essere utilizzato come pre-shampoo, prima del lavaggio, cercando di lasciarlo in posa per almeno 30 minuti: l’impacco ravviverà il colore della chioma e scurirà i primi “fili” bianchi.

Ed infine il cacao. In questo caso, occorre mescolare 3 cucchiai di miele con 3 cucchiai di cacao, fino a creare una crema densa. Il composto va lasciato agire sui capelli asciutti per circa un’ora, prima di risciacquare. I capelli saranno subito più scuri e avranno anche una gradevole profumazione.

E voi che cosa preferite? Avete dubbi o domande sulle erbe tintorie? Sapete che sono sempre disponibile ad aiutarvi, vero?

Chiedetemi tutto quello che volete, e sul gruppo 4Chiacchiere Con 4Bio ci sono tante personcine carine pronte ad aiutare <3

E fate…..le BioBrave!

 

Be the first to comment “Colorata Naturalmente: Hennè, Tinte e Curiosità”